Ho avuto alcuni pazienti che hanno utilizzato le unghie scolpite in acrilico

Ho avuto alcuni pazienti che hanno utilizzato le unghie scolpite in acrilico

Come viene trattata la psoriasi delle unghie?

Dr. Scher:

Uno dei problemi che abbiamo con il trattamento topico per la psoriasi è che la maggior parte dei trattamenti topici che agiranno sulla pelle, come gli steroidi, non passano attraverso l’unghia o passano attraverso l’unghia in piccole quantità, quindi il l’efficacia del trattamento topico è alquanto limitata.

Il trattamento di scelta per la psoriasi ungueale è quello che viene chiamato cortisone intralesionale, in cui il cortisone o un corticosteroide viene effettivamente iniettato intorno all’unghia. Dopo un periodo da quattro a sei settimane, inizi a vedere l’unghia nuova e sana in arrivo, quindi puoi ridurre la frequenza di quelle iniezioni da un mese a ogni sei settimane, ogni due mesi e poi a volte solo di volta in volta. base necessaria. E i pazienti accettano questo trattamento perché vedono i risultati. Quindi penso che questa sarebbe la mia prima linea di difesa.

Per quei pazienti che non rispondono a quella forma di trattamento, abbiamo altre scelte. Gli agenti sistemici, come già accennato per il cuoio capelluto, possono essere utilizzati anche per le unghie nei casi più gravi. Abbiamo l’opzione della fototerapia, che è la terapia della luce ultravioletta, che funziona abbastanza bene. Quindi abbiamo alcune scelte, ma può essere molto difficile.

Mi piace iniziare con la forma più mite che funzionerà e poi alzare la posta in base alla risposta alla terapia. Penso che molti dermatologi tendano a scoraggiarsi, così come i loro pazienti, nel trattamento della psoriasi ungueale, e penso che se entrambi formano una partnership e persistono e sono davvero coscienziosi con il loro trattamento, possono ottenere risultati molto soddisfacenti.

Per la psoriasi ungueale difficile da trattare, andiamo agli agenti chemioterapici come il metotrexato e ai farmaci biologici.

Manicure e smalto per unghie aiutano a nascondere la psoriasi delle unghie

Dr. Scher:

Probabilmente è molto più facile per le donne nascondere la psoriasi delle unghie rispetto agli uomini perché gli smalti di colore scuro fanno davvero un lavoro ragionevolmente decente nel camuffare la psoriasi delle unghie fino a quando non puoi iniziare a ottenere miglioramenti. Ho avuto alcuni pazienti che hanno utilizzato le unghie scolpite in acrilico. In generale, questo è scoraggiato perché ci sono casi in cui ciò può effettivamente peggiorare la psoriasi, quindi non lo consiglierei. Ma di certo gli smalti per unghie, credo, aiutano molto bene. Purtroppo non abbiamo un’applicazione simile per gli uomini.

Anche le unghie solari (un tipo di unghie acriliche che possono essere ricaricate anziché sostituite) usano davvero gli acrilici e gli acrilici sono relativamente sicuri. L’unico problema è che alcune persone sono allergiche al materiale acrilico. Alcuni dei miei pazienti si mettono le unghie acriliche e le tengono indefinitamente, e questo a volte può creare un buon ambiente per l’infezione fungina secondaria. Tuttavia, non credo che consiglierei di usare gli acrilici se è presente la psoriasi delle unghie.

E l’altro problema con le unghie acriliche è che per un lungo periodo di tempo, possono rendere le unghie ancora più sottili, quindi non credo che sarebbe la strada da percorrere.

Se vai in un salone di bellezza, dovrebbero solo chiarire che hai un problema alle unghie e che la psoriasi delle unghie non è contagiosa e non puoi darla a nessuno. Consiglierei di evitare le procedure delle unghie molto aggressive, come spingere indietro le cuticole con strumenti di metallo o di legno, o pulire eccessivamente sotto l’unghia. Tali procedure dovrebbero essere rigorosamente evitate nei pazienti con psoriasi ungueale perché sappiamo che traumi e lesioni possono sicuramente peggiorare la psoriasi. Tuttavia, la lucidatura e l’abbellimento dell’unghia in questo modo vanno perfettamente bene.

Ulteriori informazioni sulla psoriasi del cuoio capelluto e delle unghie

Se desideri saperne di più su come riconoscere, gestire e trattare la psoriasi del cuoio capelluto o delle unghie, ascolta l’intero webcast, Nowhere to Hide: Scalp and Nail Psoriasis, e ascolta come i nostri esperti hanno risposto alle domande del pubblico.

Per ulteriori informazioni sulla psoriasi, consulta queste risorse HealthTalk:

10 domande chiave sulla psoriasiChiedi al dottore sulla psoriasi Blog Life with Psoriasis di Christa Joyce Blog Life with Psoriasis di Gina Tupaczewski

Iscriviti alla nostra Newsletter sulla psoriasi!

Le ultime novità sulla psoriasi

Tu – Sì, tu! – Può diventare un sostenitore del paziente con psoriasi

Di Howard Chang, 25 marzo 2021

La vita con la psoriasi come un americano asiatico può significare “mangiare amaro”

Di Howard Chang, 3 marzo 2021

Cosa fare se i trattamenti topici non sono sufficienti per la tua psoriasi

Man mano che la tua condizione progredisce, potresti dover prendere in considerazione trattamenti sistemici per gestire i sintomi.

Di Colleen de Bellefonds, 23 febbraio 2021

10 segni che è ora di chiamare il tuo dermatologo sulla psoriasi

Ci possono essere momenti in cui devi contattare il tuo dermatologo tra le tue visite regolarmente programmate.

Di Colleen de Bellefonds, 23 febbraio 2021

Come affrontare i cambiamenti dell’assicurazione sanitaria con la psoriasi

Di Howard Chang, 29 gennaio 2021

Com’è vivere 35 anni con la psoriasi: la storia di Glenn

Ecco come un uomo di New York City ha trascorso metà della sua vita a gestire la condizione.

Di Colleen de Bellefonds, 28 gennaio 2021

5 consigli per gestire la psoriasi del piede

La psoriasi può colpire i tuoi piedi, rendendo gli spostamenti una sfida. Ecco i passaggi che puoi eseguire per prevenire i problemi.

Di Nina Wasserman, 28 gennaio 2021

5 modi per praticare sport in sicurezza con la psoriasi

Le placche cutanee scomode e pruriginose possono rendere difficile rimanere attivi e praticare sport. Questi semplici passaggi possono aiutare a mantenere i giochi divertenti.

Di Nina Wasserman, 28 gennaio 2021

Che cosa significa un vaccino COVID per le persone con psoriasi

Di Howard Chang, 25 gennaio 2021

Cosa sapere sulla depilazione se hai la psoriasi

Che tu stia cercando di rimuovere i peli superflui dal viso, dalle gambe o da un’altra area del corpo, ecco cosa devi sapere per farlo in modo delicato e sicuro. . .

Di Katherine Lee, 10 dicembre 2020 “

Se hai l’artrite reumatoide, allora probabilmente sai cosa fare quando i tuoi sintomi divampano: vai dritto al farmaco! Ma come puoi evitare che si verifichi un flare RA? Qui, studi ed esperti valutano come evitare gonfiore articolare e dolori muscolari – e lontano dall’armadietto dei medicinali – il più a lungo possibile. . .

Sei stato libero da riacutizzazioni di artrite reumatoide (RA) per due anni quando improvvisamente sviluppi articolazioni rigide e doloranti, estrema stanchezza e un mal di testa micidiale. Cosa sta succedendo? “Probabilmente stai avendo una riacutizzazione dell’artrite reumatoide, o un ritorno temporaneo dei sintomi”, dice Martin Bergman, MD, un reumatologo con sede nell’area di Philadelphia. “I sintomi variano da donna a donna e possono includere infiammazione, tenerezza, arrossamento, rigidità e gonfiore articolare, nonché sintomi simil-influenzali e affaticamento”, afferma. “Durante una riacutizzazione, puoi avere sintomi per poche ore, pochi giorni o anche poche settimane. “L’AR è una malattia autoimmune infiammatoria in cui il tuo sistema immunitario attacca e distrugge erroneamente il tessuto sano del corpo. Colpisce circa 1,5 milioni di persone negli Stati Uniti, secondo l’Istituto nazionale di artrite e malattie muscoloscheletriche e della pelle.

Il modo migliore per evitare una riacutizzazione dell’artrite reumatoide è “tenere un diario della salute per tenere traccia delle attività, della dieta, dei farmaci, del clima e del quadro emotivo”, afferma Katherine Molnar-Kimber, PhD, ricercatrice RA con sede nell’area di Filadelfia che ha sofferto da RA per circa 40 anni. Ha fondato il sito web di supporto decisioni sull’artrite reumatoide. com ed è autore di 45 Tips That May Help Prevent and Calm Reumatoid Arthritis Flares (auto-pubblicato). “Confrontando come ti senti giorno per giorno, puoi isolare i trigger”, dice. Continua a leggere per conoscere le 7 cause comuni delle riacutizzazioni dell’artrite reumatoide e cosa puoi fare per prevenirle. Innesco n. 1 delle riacutizzazioni dell’artrite reumatoide: modifica del farmaco o del dosaggio “La causa più comune delle riacutizzazioni è dimenticare di prendere farmaci o assumere meno o più di quanto prescritto”, afferma Stephen Soloway, MD, reumatologo di Vineland, NJ. Circa il 60% dei pazienti con artrite reumatoide ha avuto una riacutizzazione dell’artrite durante la riduzione graduale del prednisone, un corticosteroide che riduce il dolore e l’infiammazione, ma ha effetti collaterali negativi come perdita di massa ossea, insonnia, aumento di peso, lividi, diabete e un viso gonfio, secondo uno studio condotto nel 2004 presso l’Università degli Studi di Pavia in Italia. Per prevenire una riacutizzazione: “Assumere i farmaci esattamente come indicato”, dice il dottor Soloway. “Non dare per scontato di dover ridurre gradualmente il prednisone. “” Molti pazienti non possono andarsene senza subire una ricaduta “, continua. “Circa il 75% rimane su una dose bassa [5 milligrammi o meno al giorno] per controllare il dolore e l’infiammazione. “

A condizione che le donne mantengano una dose bassa, possono ridurre il rischio di perdita ossea e aumento di peso esercitando regolarmente, consumando abbastanza calcio e vitamina D che preservano l’osso e ottenendo scansioni ossee regolari (scansioni DEXA) per monitorare la densità ossea, Dr Dice Soloway. “Se si sviluppano effetti collaterali durante un taper, possiamo fare marcia indietro, aumentare la dose o aumentare la dose di altri farmaci RA che potresti assumere, come il metotrexato o farmaci biologici”, dice. I biologici sono proteine ​​geneticamente modificate che inibiscono l’infiammazione. Gli effetti collaterali possono includere tubercolosi, linfoma e infezioni gravi. I prodotti biologici sono anche molto costosi (fino a $ 2.700 al mese) e alcune compagnie di assicurazione sanitaria potrebbero richiedere ai pazienti di coprire una quota significativa del costo, secondo uno studio del 2010 di Consumer Reports. Trigger n. 2 della riacutizzazione dell’artrite reumatoide: ammalarsi “Poiché il tuo sistema immunitario è già compromesso dall’artrite reumatoide, hai maggiori probabilità di contrarre malattie e infezioni come bronchite, polmonite e influenza, che possono innescare una riacutizzazione”, dice il dottor Soloway. Per prevenire una riacutizzazione: “Evita le situazioni che potrebbero esporti a infezioni e malattie e rimani a casa se ti senti male”, dice il Dr. Soloway. “Ad esempio, se ti senti male, potrebbe non essere un buon momento per salire su un aereo, fare shopping, partecipare a un concerto rock o trovarti in mezzo a una folla dove potresti prostatricum essere esposto a malattie e avere maggiori possibilità di prendere qualcosa ,” lui dice.

“Chiedi al tuo medico di ottenere vaccinazioni e immunizzazioni per ridurre il rischio di malattie infettive come l’influenza”, dice il dottor Soloway. Trigger # 3 della riacutizzazione dell’artrite reumatoide: non esercitano Molte donne con AR sono inattive, secondo uno studio del 2011 condotto presso la Bangor University nel Regno Unito. Perché? Per anni, i medici hanno creduto che l’esercizio fisico intenso esacerbasse i sintomi dell’AR, come dolori articolari e infiammazioni, e consigliavano alle donne con la malattia di prendersela comoda. Di conseguenza, le donne con artrite reumatoide sono diventate inattive, il che ha aumentato il rischio di obesità e ridotto la massa muscolare e la flessibilità, con conseguente maggiore dolore alle articolazioni, afferma il dottor Soloway. Per prevenire un flare: fare esercizio regolarmente per rafforzare i muscoli intorno alle articolazioni, ridurre la rigidità, aumentare l’energia, evitare l’obesità (un altro fattore scatenante del flare) e rilasciare ormoni del benessere (serotonina) che migliorano l’umore, consiglia uno studio del 2003 condotto presso l’Arcadia University di Philadelphia. Le donne con AR che si sono impegnate in un intenso esercizio fisico hanno migliorato la mobilità, la forza muscolare e la capacità aerobica e ridotto l’infiammazione e il dolore articolare, secondo lo studio.

Altri studi condotti nel 2000, 2004 e 2009 presso il Leiden University Medical Center nei Paesi Bassi hanno rilevato che un programma di esercizi intensi di allenamento con i pesi, ciclismo ed esercizi di stretching tre volte alla settimana era più efficace nel migliorare la forza muscolare rispetto a un programma conservativo che utilizza la gamma di movimento ed esercizi isometrici. Gli studi hanno rilevato che l’esercizio intenso ha anche ridotto il dolore e l’infiammazione e la perdita ossea nelle persone con artrite reumatoide. Ma non provare a fare esercizio durante un flare, dice il dottor Soloway. “L’esercizio [durante la remissione] aiuta anche le donne con artrite reumatoide a mantenere un peso sano e ridurre la depressione”, aggiunge. Secondo lo studio Bangor, gli esercizi di camminata, ciclismo e forza-resistenza migliorano l’integrità della cartilagine e la lubrificazione delle articolazioni, mentre gli esercizi di mobilità aumentano la gamma di movimento. “Mia sorella ha sofferto di artrite reumatoide da 21 anni e corre maratone”, dice Nathan Wei, MD, internista e reumatologo presso il Centro per il trattamento dell’artrite a Frederick, MD. Consiglia alle donne con artrite reumatoide di verificare con i loro medici prima di iniziare un nuovo programma di esercizi. L’esercizio ad alta intensità include corsa, spinning, ciclismo rigoroso, camminata veloce, aerobica rigorosa, allenamento a intervalli o qualsiasi esercizio in cui sudi entro 3-5 minuti dall’inizio e la tua frequenza cardiaca è pari o superiore al 70% della frequenza cardiaca massima .

Trigger # 4 della riacutizzazione dell’artrite reumatoide: bassa acidità di stomaco “Più di un terzo delle donne con artrite reumatoide ha una bassa acidità di stomaco, uno squilibrio che aumenta il rischio di infezione e polmonite lasciando che i microbi portatori di malattie prendano piede nell’intestino”, Molnar- Kimber dice, citando uno studio del 2004 condotto presso l’University Medical Center St. Radboud, Nijmegen, nei Paesi Bassi. Per prevenire un flare: mangiare cibi ricchi di probiotici (batteri “amici” che aiutano la digestione), come yogurt, latticello, crauti, kefir (un prodotto a base di latte fermentato ottenuto combinando latte e cereali kefir); prodotti a base di soia come tempeh e miso; kimchi (un piatto di cavolo coreano fermentato che si trova nei negozi di alimentari etnici e nei negozi di alimenti naturali) o formaggi stagionati, dice Molnar-Kimber. “Evita gli integratori di probiotici perché le donne con artrite reumatoide non li assorbono correttamente” a causa della mancanza di enzimi digestivi, aggiunge. Evita gli integratori di calcio da banco che riducono l’acidità di stomaco, come antiacidi come TUMS e Rolaids, suggerisce Molnar-Kimber. Trigger n. 5 della riacutizzazione dell’artrite reumatoide: mancanza di vitamina D “Bassi livelli di vitamina D aumentano il rischio di influenza e anche gonfiore articolare e dolore muscolare”, afferma Molnar-Kimber, citando uno studio del 2007 condotto presso l’Università di Tampere Medical School in Finlandia. Per evitare un bagliore: cattura dei raggi. “La migliore fonte di vitamina D è la luce solare diretta e ottenere 5-10 minuti tre volte alla settimana è sufficiente per soddisfare le tue esigenze”, afferma Michael Holick, MD, PhD, professore di medicina, fisiologia e biofisica presso il Boston University Medical Center e autore di The Vitamin D Solution (Hudson Street Press).

Buone fonti alimentari di vitamina D includono salmone, ostriche, gamberetti, halibut, tuorli d’uovo e cibi fortificati con vitamina D come latte, latte di soia, succo d’arancia e cereali, dice il dottor Holick. Trigger n. 6 della riacutizzazione dell’artrite reumatoide: clima freddo e umido “Molti pazienti con artrite reumatoide hanno razzi quando il tempo diventa freddo e umido”, afferma Moshe Lewis, MD, specialista nella gestione del dolore a Redwood City, CA. “Fanno una vacanza invernale in Arizona e ricevo una cartolina che dice che non soffrono più. “Uno studio su 151 persone condotto presso il Centro Reumatológico Strusberg a Cordoba, in Argentina, ha scoperto che le persone con osteoartrite, artrite reumatoide o fibromialgia hanno riportato più dolore nelle giornate fredde. Le persone con AR hanno anche riportato più dolore nei giorni con alta umidità e alta pressione. Un calo della pressione dell’aria (che spesso accompagna il freddo e la pioggia) può consentire ai tessuti del corpo di espandersi per riempire lo spazio, il che significa che i tessuti già infiammati possono causare ancora più gonfiore e dolore alle articolazioni, secondo la Johns Hopkins University School of Medicine. Inoltre, le soglie del dolore possono diminuire con il clima più freddo; le giornate fredde e piovose influenzano l’umore; e durante il clima più freddo le persone hanno meno probabilità di essere fuori a fare esercizio fisico che tiene sotto controllo il dolore da artrite, dice Johns Hopkins.